Come Lavare gli Indumenti e non Rovinarli

Un buon consiglio di come lavare gli indumenti è quello di leggere sempre le istruzioni sull’etichetta, per stabilire quale sia il metodo adatto per lavare un certo capo di biancheria. I capi macchiati vanno lasciati a bagno, intervenite sempre sulle macchie appena si formano.

Un ammollo eseguito bene rimuove lo sporco con efficacia. In caso di macchie organiche è meglio usare un detersivo biologico.
Immergete sempre i capi nella vasca o in un secchio, coprendoli completamente con acqua e controllando che il detersivo sia ben disciolto.
Lavate sempre a parte i capi scuri per assicurarvi che non stringano.
Un’ eccessiva quantità di sapone tende a scolorirli.
Un consiglio è quello di mettere i vostri capi in acqua tiepida con l’ aggiunta di una piccola quantità di aceto.

Per prevenire che i vostri indumenti scoloriscano, al primo lavaggio metterli in acqua fredda con un pugno di sale. Il sale basterà per un secchio di acqua.
Per avere delle calze bianche sempre bianche, basterà farle bollire in una pentola piena d’acqua con alcune fettine di limone.
Non usate nessun tipo di candeggiante per le vostre calze, a meno che non sia naturale.
Potete usare anche il detersivo per lavastoviglie con l’aggiunta di mezzo cucchiaino di sgrassatore.

Come lavare indumenti di lino e cotone? Lasciate in ammollo per circa quindici minuti in una soluzione di quindici millilitri di candeggina e dieci di acqua fredda, Sciacquare più volte prima di lavarli normalmente.
Mentre i capi di lana basta immergere per una notte intera con una soluzione di acqua ossigenata e acqua fredda.
L’ indumento per eccellenza è il nylon, per eliminare le sue macchie bisogna immergere in novanta millilitri di detersivo per piatti in cinque litri di acqua calda.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *